Follow
Top

Il Matrimonio Religioso

Il galateo della cerimonia religiosa.

 

Eccovi i fondamentali del bon ton per un corretto ingresso in Chiesa.

L’ingresso degli sposi può seguire le regole del “Corteo Classico”  che prevede: lo sposo raggiungere la Chiesa con un certo anticipo. Il suo arrivo deve precedere quello della sposa e quello dei vari ospiti in modo da accoglierli e svolgere i primi convenevoli.

In seguito, offrendo il braccio sinistro alla madre, giungerà insieme a lei sino all’altare. Con lo sposo, entreranno i testimoni: quelli della sposa si disporranno alla sinistra dell’altare, quelli dello sposo alla destra.

Gli invitati: Il galateo prevede che gli invitati aspettino l’arrivo della sposa in chiesa sistemandosi giù sui banchi (i parenti della sposa dovranno essere sistemati a sinistra mentre quelli dello sposo a destra).

L’ingresso della sposa: La sposa sarà accompagnata dal padre che l’aiuterà a scendere dall’auto, come da etichetta arriverà con un leggero ritardo.

I primi ad entrare saranno i paggetti (se presenti) sistemati in fila per due, dove solo uno regge il cuscino delle fedi, seguiti dalla sposa e dal padre alla sua sinistra. Le damigelle, qualora ci fossero, chiuderanno il corteo occupandosi del velo. La sposa dovrà porsi alla sinistra del padre dal momento che è quella la posizione che manterrà accanto al suo sposo; il bouquet va sorretto dalla mano sinistra, posato dopo l’ingresso in chiesa sull’inginocchiatoio e ripreso al momento dell’uscita.

Gli sposi possono scegliere di fare il loro ingresso insieme, come previsto dal “Corteo Solenne”.

Lo sposo attende la sposa sul sagrato, insieme a tutti gli ospiti. Al suo arrivo si salutano, lui le consegna il bouquet e si posizionano per l’ingresso secondo questo ordine: i paggetti, la sposa accompagnata dal padre, le damigelle, lo sposo accompagnato dalla madre, il padre dello sposo in coppia con la madre della sposa.

Post a Comment