Follow
Top
Bewed Wedding

Questioni di Matrimonio

 

Bewed Wedding

Tutto comincia con un “Si lo voglio!”. E sicuramente, se l’essere femminile fosse dotato di semplicità e mansuetudine, ci sarebbe poco da aggiungere, ma visto e considerato il nostro continuo rimuginare ecco che i pensieri si susseguono in maniera frenetica.

Chiamare (o convocare ) le amiche (gesto tipicamente accompagnato da un tono della voce elevato) e dalla classica domanda : ” Chi sono le damigelle?” .

Segue il:” Devo trovare il vestito”. Consegue: “Devo mettermi informa” (Si procede a: seguire una dieta, ad iscriversi in palestra o a sport sconosciuti, a cimentarsi in lunghe camminate). Si rimanda la dieta al post degustazione torta, menù ecc…

Si progetta l’addio al nubilato. In tale caso: progettate anche un rientro in integrità fisica e morale.

Il tutto, contaminato da frequenti litigi e nervosismi in cui accusare la contro parte con dei (tutt’altro che amorevoli) : “Non t’interessi “, “Sei assente”, ma soprattutto: “Tu non decidi mai nulla! ”…

Ora, se vi ritrovate in queste righe, sappiate che è normale! Com’è normale vedere una lista d’invitati crescere anzi che decrescere, (non parliamo del budget)! Insomma, il matrimonio è una questione complessa..

Avrei potuto dirvi una cosa del genere:

“Amo come l’amore ama. Non conosco altra ragione di amarti che amarti. Cosa vuoi che ti dica oltre a dirti che ti amo, se ciò che ti voglio dire è che ti amo?” Cit.

Sarebbe decisamente un incipit migliore ma, vi confido che no, il matrimonio è molto di più che “Amo come l’amore che ama”. È un susseguirsi di momenti alti e bassi, di dubbi e indecisioni, di partenze a 1000 e di passi indietro. Ma soprattutto, è un evento unico e personale, per questo non esistono formule preconfezionate all’uso, ma consigli utili, questo sì.  Allora non si può non concludere con qualche suggerimento: Chiamate le amiche! Convocate a raccolta conoscenti e parenti! Le cose belle meritano d’essere urlate al mondo! E dopo questo momento d’euforia concesso, radunate le idee, iniziate a mettere in fila i fondamentali e definite un budget! Non partite pensando al tema, o ai colori.. partite da: Location e Catering. Il resto prenderà forma sui toni dell’ambiente che avete scelto, e sullo spazio disponibile. Abbiate cura, di non precludervi nulla a priori, raccogliete foto ed esempi di quello che immaginate e confrontatevi con i fornitori che vi seguiranno.

Credetemi quando vi dico che: l’obiettivo mio e di chi vi seguirà nel vostro progetto, è quello di sorprendervi concretizzando il probabile e realizzando il possibile!

 

 

 

Ph: AnnalisaPattuelli_wedding

 

 

 

Photo by Nathan Dumlao on Unsplash

Post a Comment